Santa Elisabetta, Ristorante Stellato a Firenze

Nel cuore del centro storico di Firenze, Ristorante Santa Elisabetta 1 Stella Michelin propone una cucina minimalista, essenziale, pura.
L’estro dello Chef Rocco de Santis si esprime in una location unica al mondo: l’antica torre bizantina della Pagliazza, all’interno dell’affascinante Hotel Brunelleschi.

PRENOTA UN TAVOLO

Indirizzo: Piazza Santa Elisabetta, 3 all’interno dell’Hotel Brunelleschi
Telefono: 055.27370
Email: info@ristorantesantaelisabetta.it

ristorante-firenze-santa-elisabetta
chef ristorante stellato firenze

La Cucina di Rocco de Santis

Lo Chef sceglie di sperimentare l’essenzialità, su piatti con un unico prodotto che fa da protagonista e altri due o tre che fanno da supporto. Ogni piatto si basa su una sostanza, su qualcosa che va oltre l’ingrediente ed è caratterizzato dai contrasti tra acidità e dolcezza, cotto e crudo, sapidità e leggerezza.
La sua cucina è una concentrazione di idee, tecniche e concetti appresi attraverso le sue esperienze in ristoranti di prestigio con importanti chef ed è immancabilmente contaminata dagli usi e dalle tradizioni della sua terra d’origine.

PER SAPERNE DI PIÙ

 

ORARI DI APERTURA: da Martedì a Sabato 19:30 > 22:30.
Chiuso Domenica e Lunedì.

I menù e la carta dei vini

Il menù del Santa Elisabetta rispetta la natura e le stagioni.
Sono sempre disponibili un menù alla carta e tre percorsi di degustazione con abbinamenti enologici.

“Tracce di innovazioni” da 5 portate.     
“In-Contaminazioni” da 7 portate.
“Chef Experience” da 9 portate.

SCOPRI IL NOSTRO MENÙ

ristorante stella michelin firenze
ristorante stellato a Firenze

La Torre della Pagliazza

Una location unica al mondo per il nostro ristorante stellato a Firenze: la torre bizantina della Pagliazza.
Il Santa Elisabetta si trova al primo piano della torre dalla particolare forma circolare, in un’atmosfera intima che ospita soltanto sette tavoli.
Costruita intorno al 541-544 d.C., oggi è iscritta nel registro degli edifici storici fiorentini. Nel XII secolo era utilizzata come prigione femminile, da qui il nome “Pagliazza” che deriva proprio dai giacigli di paglia destinati alle carcerate.

COME RAGGIUNGERCI

Start typing and press Enter to search